Regno di Ithil

Home Forum Vecchio –GDR– Regni di Eldaria Regno di Ithil

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Neu 5 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #648

    Neu
    Partecipante

    Nome del regno: Regno di Ithil;

    Regnante: Egaly (Regina); xErebor, NinjaPROT, Zuiqui, Dife2K, Gathox, Tugsteno, lilibetta, Isilwen, Meshuge, MASTROLILLO, EMILANO, _Neu (Nobili);

    Politica: Pacifica;

    Colore: Ciano;

    Stendardo: https://www.needcoolshoes.com/banner?=gaappzpogvpt

    Descrizione: Il regno di Ithil sorge su un impervio altopiano montuoso, luogo scelto dai Bardi di Hoaluntë per fondare un regno pacifico pervaso dall’armonia.
    Sotto l’egida della regina Egaly, Ithil si propone di essere una monarchia illuminata, in cui il commercio sia una delle colonne portanti: nelle sue botteghe si troveranno manufatti di grande rarità e pregio degni della maestria nanica ed i mercati offriranno occasioni uniche e merci speciali. La prosperità sarà testimoniata dalla maestosità degli edifici, il mecenatismo della sovrana sarà tangibile nella cultura degli antichi tomi e delle sculture che permeerà l’aria stessa. Ithil sarà il cuore pulsante della bella vita di Eldaria, caratterizzato da sfarzo, balli, banchetti e tanta ricchezza. I sogni di ognuno di voi si potranno realizzare a Ithil, l’unico limite sarà la vostra fantasia!

    Storia della nascita del Regno di Ithil:
    Un gioco d’azzardo è nient’altro che un evento lasciato nelle mani del Fato, ma in quella ineluttabile notte fu proprio il Fato che diede inizio ad un potente regno.
    Lady Isilwen, una facoltosa collezionista di creature insolite, e Lord Zuiqui, un fuorilegge in grado di insinuarsi in qualunque luogo, si incrociarono nella derelitta taverna della desolata Terra di Mëoi. Allo stesso tavolo sedevano anche Lord Erebor, adoratore di quarzo e mastro demolitore di biomi, e Lord Ninja, rinomato vincitore di ardue sfide e conquistatore di mondi, i quali, temprati dal fuoco di mille battaglie, furono catturati dallo sguardo di Isilwen. I suoi fervidi occhi esprimevano quello che le sole parole non riuscivano a comunicare e, con l’aiuto di una discreta dose di Sidro di Pomela, persuase i Lord a seguirla nel viaggio e a intraprender la strada che il Destino aveva riservato loro.
    Cos’era in serbo per loro? Qual era il principio che muoveva i loro spiriti? La supremazia sulle Terre? La brama di ricchezze e potere? Nessuno lo sapeva, ma quello che si percepiva era una grande forza che si faceva strada nella Terra di Mëoi, qualcosa di mai provato prima e che solo ora si era risvegliato per qualche motivo.
    Questa insolita alleanza non passò inosservata ed in poco tempo Lord Gathox, un guerriero senza pietà, fedele compagno di Lady Isilwen e sua antica conoscenza, si uní alla compagnia, mettendo la sua spada ed il suo cuore a servizio delle imprese.
    Nel loro peregrinare per le selvagge lande desolate della Terra di Mëoi, i cinque Lord e Lady affrontarono le sfide che il Fato poneva loro: irruppero nel Lupanare di Ael e liberarono le schiave ivi rinchiuse, riuscirono a infiltrarsi nel cuore del Terra di Mëoi per carpire la magia occulta che i Tiranni di Hrávënandë celavano al mondo ed infine misero in fuga questi ultimi, costringendoli a trainare il loro stesso carro a mani nude.
    Nel frattempo Neu, l’eremita, che viveva nella sua voragine nel cuore del mare dove tentava di intrappolare e moltiplicare ogni creatura vivente, era stato scovato da Lord Ninja; quest’ultimo non poteva immaginare l’immenso potere che Neu nascondeva, un titano risvegliato da un lungo sonno. La compagnia, all’epoca conosciuta con il nome di “I Bardi di Hoaluntë”, si riunì per decidere se l’eremita fosse degno di far parte di essa e per dimostrare il suo valore lo sottoposero alla Grande Prova, audacemente superata la quale, ottenne il titolo di Lord.
    Lord Dife, un semplice avventuriero agli occhi di tanti, dopo l’incredibile impresa della liberazione di bestie degli inferi dimostrò di possedere qualità che nessuno si sarebbe immaginato e questo non poté essere ignorato dai Bardi, che lo aggiunsero alle loro fila.
    La compagnia cresceva col passare del tempo e iniziò a ristabilire l’equilibrio e l’ordine delle Terre di Mëoi, ma contemporaneamente una forza oscura si stava rafforzando, contagiando ogni elemento con cui veniva in contatto, e stava cominciando ad essere cosi importante da non poter essere ignorata.
    La guerra era imminente.
    Nonostante il loro impegno, dopo lunghe, faticose e cruenti battaglie, i nostri grandi combattenti non riuscirono a estirpare il male che ormai aveva corrotto quelle pacifiche Terre e fu così che decisero di andare alla ricerca di un nuovo luogo dove poter ricominciare, consci che il loro destino era votato a qualcosa di più grande ed importante, che ancora li stava attendendo.
    Vagando nell’infinito mar di stelle, furono accolti dalla benevola Lilibetta, la regina di una Terra fiorente e laboriosa, che aveva deciso di nascondersi nell’ombra per vivere in tranquillità nelle Terre di Lingwë.
    I canti narrano che era accompagnata dal leggendario guerriero errante Meshuge, che però nessuno mai aveva incontrato.
    Al loro arrivo i Bardi decisero di mettere insieme i loro talenti per fondare quello che poi sarebbe diventato il Regno di Ithil.
    Presto si resero conto che per istituire un regno prospero e duraturo fosse fondamentale coinvolgere delle loro antiche conoscenze.
    Uno di queste era Emilano, un giovane Lord, abile mercante capace di barattare una roccia per un diamante.
    Emilano e Zuiqui condividevano una lunga storia di avventure e il suo coinvolgimento era un evento che in tanti avevano previsto.
    Il saggio Mastrolillo, era il vecchio maestro di Lord Zuiqui e quando quest’ultimo seppe del suo ritorno, la proposta di farlo entrare nel regno fu immediata: non ci si poteva far scappare questa fonte di infinita saggezza dalle mani.
    Col passare del tempo si era deciso di portare in vita lo spirito di Egaly, un’entità che pronunciava le sue parole nelle teste di tanti.
    Il suo spirito si incarnò in una creatura dalle sembianze innocenti, ma solo il tempo ci dirà la verità sui suoi reali talenti.
    Ormai si pensava che la compagnia dei Bardi di Hoaluntë fosse al completo, ma Lord Tugsteno, un cavaliere del regno della Regina Lilibetta, incrociò la loro strada. Le sue stravaganti abilità furono fin da subito notate e si capí che colui che le possedeva era il tassello mancante del futuro Regno di Ithil.
    Le Terre di Lingwë, dove momentaneamente la compagnia si era insediata, non offrivano le risorse necessarie per fondare il Regno che i nostri avventurieri sognavano.
    Fu così che partirono per un’ultima spedizione, alla ricerca della Terra desiderata. Eldaria! È qui che il Regno di Ithil trovò il suo inizio.
    Ciò che ne sarà di questo Regno è un’altra storia, una storia che deve ancora esser scritta e che nessuno conosce; solo il Fato sa cosa ancora deve divenire e nell’imperscrutabilità della sua essenza pochi mortali hanno il dono di discernere.

    Leggi:
    Magna Charta Libertatum

    Articolo 1.
    La Magna Charta Libertatum ha valore assoluto all’interno del territorio di Ithil e delle sue province. Ogni abitante è tenuto a rispettare le leggi ed ogni trasgressione sarà punita proporzionalmente alla gravità del reato.
    Comma 1. E’ considerato proprietà del Regno di Ithil qualsiasi materiale, risorsa o esser vivente situata all’interno dei confini del Regno.
    Comma 2. E’ fatto obbligo a chiunque giunga a Ithil il rispetto della Magna Charta Libertatum e l’osservanza delle sue leggi in egual misura agli abitanti. Ogni trasgressione sarà riportata alle autorità designate e ogni intemperanza sarà ugualmente punita secondo un criterio concorde alle leggi di Ithil stesse.

    Articolo 2.
    Ithil è una Monarchia costituzionale, fondata sul culto del Monarca. La sovranità appartiene alla Regina Egaly, che la esercita nella forma e nei limiti della Magna Charta Libertatem.
    Comma 1. E’ fatto diritto del Monarca poter scegliere e proclamare dei Consiglieri del Regno nei modi e nei tempi enunciati nella Magna Charta Libertatum. Tali consiglieri si riuniscono nel Consiglio Superiore del Regno e sono garanti della Costituzionalità.
    Comma 2. E’ fatto diritto del Monarca poter sollevare dal loro incarico i Consiglieri, qualora essi si dimostrassero inadatti al ruolo loro assegnato.
    Comma 3. E’ fatto diritto del Monarca poter promulgare o modificare i decreti nel Regno. Tali decreti hanno effetto immediato a partir dal momento di enunciazione ed hanno validità assoluta all’interno dei confini del Regno.
    Comma 4. E’ fatto diritto del Monarca poter modificare, previo consenso unanime da parte dei membri del Consiglio Superiore del Regno, articoli della Magna Charta Libertatum nei modi e nei tempi concessi costituzionalmente.
    Comma 5. E’ fatto dovere del Monarca preservare, salvaguardare e sviluppare il Regno di Ithil nelle forme e nei modi a sua disposizione.
    Comma 6. E’ fatto dovere del Monarca rispettare e far rispettare le leggi del Regno di Ithil.
    Comma 7. E’ fatto dovere del Monarca non discriminare gli abitanti del Regno per differenze di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche o condizioni personali e sociali.
    Comma 8. E’ fatto dovere del Monarca rispettare le decisioni del Consiglio Superiore del Regno o del Concilium dei cittadini.

    Articolo 3.
    Il Consiglio Superiore del Regno riunisce i Lord Cavalieri scelti dal Monarca tra i nobili di Ithil.
    Comma 1. E’ fatto diritto dei consiglieri potersi riunire in assemblea.
    Comma 2. E’ fatto diritto dei consiglieri prender decisioni per il Monarca qualora il numero di partecipanti all’assemblea non sia minore della metà del numero dei consiglieri del Regno.
    Comma 3. E’ fatto diritto dei consiglieri indire un Concilium dei cittadini qualora il numero dei favorevoli non sia minore della metà del numero dei consiglieri del Regno.
    Comma 4. E’ fatto diritto dei consiglieri porre il veto su decisioni, decreti o giudizi del Monarca qualora il voto favorevole al veto all’interno del Consiglio Superiore del Regno sia unanime.
    Comma 5. E’ fatto dovere dei consiglieri garantire la costituzionalità dell’operato del Monarca.
    Comma 6. E’ fatto dovere dei consiglieri prodigarsi a favore del Regno e dei suoi abitanti, nel rispetto del compito loro assegnato.
    Comma 7. E’ fatto divieto ai consiglieri tramare, ordire o congiurare ai danni del Regno, del Monarca o di altri consiglieri.
    Comma 8. E’ fatto divieto ai consiglieri fuoriuscire dal compito loro assegnato e scavalcare l’operato di altri consiglieri senza il consenso del Monarca.

    Articolo 4.
    E’ considerato abitante di Ithil chiunque abbia ottenuto la Cittadinanza del Regno da parte del Monarca.
    Comma 1. E’ fatto diritto degli abitanti esprimere liberamente le proprie opinioni all’interno del Regno.
    Comma 1a. E’ fatto diritto degli abitanti riferire al Lord Cavaliere della Giustizia e degli Interni le loro proposte per favorire il processo di espansione e sviluppo del Regno.
    Comma 2. E’ fatto diritto degli abitanti poter indire un Concilium dei cittadini per la discussione delle proposte di legge in sede del Consiglio Superiore del Regno, salvo raggiungimento del quorum minimo previsto di tre quarti degli abitanti in vita.
    Comma 3. E’ fatto diritto degli abitanti avere, mantenere, custodire e accrescere un patrimonio personale.
    Comma 4. E’ fatto dovere degli abitanti sostenere il Regno in termini di finanze e di risorse e prodigarsi per la sua crescita.
    Comma 5. E’ fatto dovere degli abitanti rispettare lo status del Regno, sia esso pacifico o non.
    Comma 6. E’ fatto dovere degli abitanti sostenere il Regno in caso di calamità naturale o in stato di guerra, non limitato alla casistica di assedio.
    Comma 7. E’ fatto dovere degli abitanti fornire il primogenito all’Esercito Stanziale del Regno.
    Comma 7a. E’ fatto divieto agli abitanti opporsi all’arruolamento del Regno.
    Comma 8. E’ fatto divieto agli abitanti tramare, ordire o congiurare ai danni del Regno, del Monarca o di altri abitanti.
    Comma 9. E’ fatto divieto agli abitanti favorire sommosse, ribellioni, insurrezioni o sovversioni a danni del Regno.
    Comma 10. E’ fatto divieto agli abitanti ostacolare il naturale corso della Giustizia.
    Comma 11. E’ fatto divieto agli abitanti opporsi all’esattoria delle tasse, senza valido motivo presentato al Monarca o agli enti preposti alla riscossione.

    Articolo 5.
    E’ considerato forestiero chiunque non abbia ottenuto la Cittadinanza del Regno da parte del Monarca, ivi compresi abitanti di Regni legati al Regno di Ithil tramite trattati commerciali, militari o di qualsiasi natura.
    Comma 1. E’ fatto diritto dei forestieri transitare per il territorio del Regno di Ithil. Qualora fossero avvistati da abitanti del Regno o dalle Legioni preposte ai controlli, è fatto loro obbligo fornire spiegazioni sul loro transito.
    Comma 2. E’ fatto divieto ai forestieri danneggiare, deturpare o deformare il territorio di Ithil, le sue strutture, i suoi beni mobili ed immobili.
    Comma 3. E’ fatto divieto ai forestieri l’utilizzo di risorse, cave, miniere o beni di qualsiasi natura presenti nel territorio di Ithil, se non dietro specifico accordo commerciale-diplomatico con il Regno.
    Comma 4. E’ fatto divieto categorico ai forestieri l’aggressione agli abitanti del Regno all’interno del territorio di Ithil.
    Comma 5. E’ fatto divieto assoluto ai forestieri la denigrazione del Regno di Ithil, del suo Monarca o dei suoi abitanti.

    #650

    NinjaPROT
    Partecipante

    Pronto a Morire per Ithil e la Regina Lunga vita a Egaly lunga vita a Ithil

    #651

    Dife2K
    Partecipante

    Maledetti Ghast

    #652

    Gathox
    Partecipante

    Non ho mai chiesto il potere, il potere è dato solo a coloro che sono disposti ad abbassarsi per raccoglierlo.

    #653

    Zuiqui
    Partecipante

    Prprprpr, sará l’ultimo rumore che sentirai se osi ad attaccare Ithil. Ricordati, abbiamo tutto, anche armi.
    Fai la scelta giusta…

    #671

    Neu
    Partecipante

    Aggiunto stendardo.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.